Benvenuti a questo blog dedicato a Mia Martini con articoli, curiosità, interviste e altro....







Cerca nel blog

Lettori fissi

Visualizzazioni totali

mercoledì 12 febbraio 2014

Come nasce una canzone : La nevicata del ’56 raccontata da Mia Martini Luigi Lopez e Franco Califano


 
La nevicata del ‘56, presentata da Mia Martini al Festival di Sanremo 1990, ottiene il Premio della Critica.  Ecco i commenti  e aneddoti su questo brano, diventato ormai un classico senza tempo, raccontati dalla stessa interprete e due tra gli autori: Luigi Lopez e Franco Califano.
 L’indimenticata artista, all’epoca, confessa i motivi della scelta legata alla sua decisione di tornare sul palco dell’Ariston, dopo il suo rientro clamoroso a Sanremo nel 1989 con Almeno tu nell’universo, e proporre non una storia struggente d’amore, come avrebbe potuto fare per bissare il successo dell’anno precedente, ma bensì un quadro poetico realizzato da Carla Vistarini su musica di Luigi Lopez e Fabio Massimo Cantini, con la collaborazione  di  Franco Califano.

E' un affresco sulla mia infanzia. Oggi la vedo alla luce di tante discese e salite e questa proiezione sul mio passato mi fa risaltare soltanto le cose belle, la figura di mio padre nella mia casa, che non mi ha mai portato allo stadio, era un uomo di cultura e fervente politico, ma mi faceva vedere il mondo dalle sue spalle. Questo brano me lo hanno fatto ascoltare due degli autori e mi è piaciuto subito. Ho fatto apportare qualche variazione nel testo, perché la storia parlava di una ragazza che allora aveva circa venti anni, mentre io all'epoca avevo appena otto anni. Allora con Franco Califano abbiamo cambiato il testo.
L’interpretazione data da Mia Martini risulta elegante, raffinata, intensa, in grado di accentuare un clima nostalgico e venato di malinconia, che da più vigore alla canzone, a tal punto da regalare dei brividi persino a Ray Charles, presente in quella edizione come artista straniero ad affiancare Toto Cutugno.

Il brano non ottiene il favore delle giurie, e verrà inserito nell’album La mia razza che non bissa, pur essendo di qualità, le vendite del precedente Martini Mia che riesce ad ottenere il disco d’oro, consegnato all’epoca per 100 mila copie vendute. Il cruccio eventuale di essere considerata da un pubblico elitario viene superato in parte dalla conquista soprattutto dell'applauso degli addetti ai lavori e nell’aggiudicarsi per la terza volta il Premio della Critica, che dal 1996, dopo la prematura scomparsa, porta il suo nome.
 
Lei stessa dichiarerà: Sono profondamente onorata, e anche un po’ commossa, di fronte a questi riconoscimenti. Sono ritornata di nuovo a Sanremo per presentare una canzone in cui credevo e che mi ha dato tanta soddisfazione. Tante persone mi hanno dimostrato stima e affetto. Avrei voluto come compagno, in occasione del festival, Charles Aznavour. La nevicata del ‘56 avrebbe acquistato un altro tono ma … non è dato agli artisti scegliere il loro partner straniero. In ogni caso, dopo anni difficili,  ho riscoperto la gioia di vivere e di cantare.

Franco Califano, in una intervista realizzata, dopo la scomparsa di Mia Martini, parla della loro collaborazione, sin dai tempi di Minuetto e aggiunge: 
 Nel ’90 scrissi  La nevicata del ‘56 e Mia se ne innamorò subito. Lo presentò al Festival di Sanremo ottenendo il premio della critica. La sua fu un’interpretazione perfetta, dolce e nostalgica. A pensarci ora, Minuetto e La nevicata del ‘56 scandiscono la vera nascita e la più matura rinascita di Mia Martini. La sua voce? Grandissima, viscerale, sempre capace di trasformare la quiete in rabbia per ridiventare, infine, nostalgicamente arrendevole.
 
Luigi Lopez commenta su Facebook, in tempi recenti, la genesi di questa canzone, composta nel lontano 1975.

Ci sono alcune cose che, dopo anni ed anni di equivoci ed inesattezze, vorrei precisare. Cose che incuriosiranno tutti gli ammiratori e …gli esegeti di Mia Martini, indimenticabile ed insuperata artista con cui ho avuto il privilegio di condividere un lungo percorso musicale, denso di emozioni ed irripetibili soddisfazioni!

La nevicata del ‘56 fu scritta non meno di 35 anni fa: Carla Vistarini ed io eravamo in un periodo florido di invenzioni musicali. Le nostre canzoni erano molto apprezzate….quasi tutte con destini fortunati ed esiti di gradimento e vendite di dischi, davvero considerevoli. Scrissi la musica de La nevicata del ‘56 con la collaborazione di Fabio Massimo Cantini. Non potevo immaginare che Carla ponesse su quelle nostre semplici note, una vera e propria ‘poesia’, con versi di rara bellezza, un affresco di Roma, evocativo di un evento indimenticabile che la canzone ha contribuito a fissare per sempre nell’immaginario e nei ricordi di tanti italiani: una nevicata che con i suoi ‘incantevoli fiocchi, non sarà mai uguale a nessun’altra.

Fu Gabriella Ferri, a quei tempi (1975 o giù di lì…),  ad ascoltare per prima il nostro piccolo capolavoro! Con la mia chitarra ed una indicibile emozione, eseguii la nostra canzone, seduto al centro di una stanza del Cenacolo, il piccolo ‘Ateneo Musicale’ voluto dalla RCA, per incentivare gli incontri e gli scambi di idee fra gli ‘Emegenti’ della cosiddetta ‘Scuola Romana’.

Erano presenti Ennio Melis, Mario Cantini, Riccardo Mischelini, Ettore Zeppegno; quasi tutti i dirigenti della RCA (almeno una trentina di persone…di quelle che ‘contano’), circondavano la sedia su cui ero seduto. Perché un tale spiegamento di forze? Ma perché c’era lei! Gabriella Ferri in persona, accompagnata dal suo produttore Piero Pintucci, invitata espressamente per ascoltare quella che le era stata annunciata come la canzone perfetta, per proseguire nella tradizione dei suoi successi legati al suo smisurato amore per Roma. Lo ricordo come se fosse ieri il silenzio che si creò durante l’ascolto…e alla fine, nel coro dei consensi, Gabriella mi abbracciò commossa: aveva gli ochhi bagnati di lacrime (!!!)
 
Sì, era davvero emozionata e questo mi fece pensare di avercela fatta! Il prossimo 45 iri di Gabriella Ferri sarebbe stato La nevicata del ’56…. Non fu così e, contrariamente alle attese, la nostra bella canzone non andò da nessuna parte! Rimase nel cassetto per più di quindici anni, fino ai giorni del 1989-90, che precedettero la partecipazione a Sanremo della mitica Mia Martini. E’ a quel punto che Franco Califano fece il suo ingresso nella storia di questa canzone, semplicemente perché il suo produttore Gianni Sanjust, volle provarla con lui, un altro artista fortemente legato a Roma. Franco naturalmente, riadattò il testo per una sua versione cantautorale al maschile. Ne venne fuori qualcosa che non piacque a nessuno di noi. Gianni Sanjust decise allora di proporla a Mia Martini nella versione originale al femminile, quella di Carla Vistarini!

….Il seguito ve lo lascio immaginare: ci furono consensi, entusiasmo, ottimismo, fino al Festival, dove poi sappiamo che Mia conquistò il meritatissimo Premio della Critica! Mia Martini a Sanremo, cantò la versione originale della canzone, quella che noi tutti conosciamo, con una piccola variazione proprio all’inizio: un unico rigo di Franco Califano, estrapolato dalla sua versione al maschile. Tutto qui.
Perché si continui ad attribuire la paternità de La nevicata del ‘56 al compianto, grande cantautore scomparso, è un mistero tutto italiano: in questo sconclusionato paese, così ricco di creatività, manca la cultura del riconoscimento e del rispetto del ruolo proprio dei creativi, degli autori.
Certo, Franco Califano ha eseguito centinaia di volte la sua versione cantautorale, come non riconoscergli la paternità di quella? Ma, lo ripeto, La nevicata del ‘56 cantata da Mia Martini al Festival di Sanremo del 1990, porta le firme di Carla Vistarini, Luigi Lopez, Fabio Massimo Cantini e Franco Califano, nel rispetto di una collaborazione che comunque c’è stata…ma la reale consistenza di tale collaborazione è la ragione di questo mio lungo post. Una chiarificazione dovuta soprattutto per evitare che si continui ad attribuire a Franco Califano una primogenitura della canzone che non gli appartiene. Franco è stato un mio grandissimo collaboratore in altre, numerose opere che abbiamo condiviso e firmato insieme e se fosse ancora qui, con un suo sorriso, sono sicuro approverebbe queste mie precisazioni che lui stesso avrebbe potuto fare, se qualcuno mai gliele avesse richieste ma che nessuno mai ha avuto ‘voglia’ di chiedergli.

Elaborazione del testo di Pippo Augliera
Post correlati:

Come nasce una canzone. Mia Martini, Roberto Murolo, Enzo Gragnaniello raccontano "Cu'mmè"
http://questimieipensieri.blogspot.com/2011/01/come-nasce-una-canzone-mia-martini_22.html

Come nasce una canzone: “Lucy” commentata da Mia Martini
http://questimieipensieri.blogspot.com/2011/01/come-nasce-una-canzone-lucy-commentata.html

Come nasce una canzone. Mia Martini racconta come è nato il duetto con Claudio Baglioni "Stelle di stelle"
http://questimieipensieri.blogspot.com/2011/01/come-nasce-una-canzone-mia-martini.html

Come nasce una canzone: Il fiume dei profumi
http://questimieipensieri.blogspot.com/2010/11/come-nasce-una-canzone-il-fiume-dei.html

Come nasce una canzone: Col tempo imparerò
http://questimieipensieri.blogspot.com/2010/11/come-nasce-una-canzone-col-tempo.html

3 commenti:

Gianni Mauro ha detto...

Caro, Luigi. Sono Gianni Mauro dei Pandemonium. Io so esattamente quello che hai scritto tu del bellissimo brano "La nevicata del '56". Carla Vistarini è una straordinaria autrice, come lo sei tu. Purtroppo in Italia si tende a non citare mai gli autori di una canzone, a meno che fra i collaboratori, anche se hanno scritto un solo rigo, non ci sia Un CALIFANO o un VASCO ROSSI o similari, ed allora tutti i meriti vanno a loro o addirittura con troppa leggerezza si dice semplicemente, ad esempio LA NEVICATA DEL '56 di Mia Martini. La mia divertente canzone(non so se la conosci) CANTO MALINCONICO,(è diventata virale con milioni di visualizzazioni) scritta da me musica e testo,essendo stata cantata da Vittorio Marsiglia, è diventata una canzone di Marsiglia e quando l'ha fatta pure Arbore,è diventato un brano di Arbore. Ma il comune amico Piero Pintucci mi ha raccontato cose molto più raccapriccianti...

Marco Citro ha detto...

non si puo' dire che la versione di franco al maschile non sia piaciuta a nessuno ...

Ricky ha detto...

Faccio parte di un gruppo musicale e ogni volta che "montiamo" un brano ci piace approfondire e conoscere anche la storia del pezzo. Questa storia non la conoscevo e ti ringrazio molto per averla condivisa... da oggi, ogni volta che eseguiremo "La nevicata del '56" dal vivo, ci impegnamo a raccontare la vera storia prima dell'esecuzione.

Saluti
Riccardo